BIOGRAFIA DI NEVILLE BRODY

neville brodyNeville Brody è un graphic designer, art director e disegnatore di fonts, caratteri tipografici.

Nasce a Londra il 23 aprile del 1957. Nel 1975 s'iscrive al Hornsey College of Art dove frequenta un corso base di Belle Arti per un anno. Nel 1976 comincia un corso universitario triennale di grafica al London College of Printing, dove si discosta dal mondo delle Belle Arti per scoprire e imparare le tecniche e i processi implicati nel disegno e nella stampa per poi operare autonomamente. Insoddisfatto dalle lezioni universitarie, cerca di affermare il suo spirito innovativo nel campo del graphic design, facendosi conoscere per il suo talento creativo come disegnatore di poster per gruppi musicali, concerti ed esibizioni artistiche di Londra. Appena diplomato diventa autore della grafica di gruppi famosi come i Cabaret Voltaire e i 23 Skidoo, e come art director di etichette discografiche come la Fetish Record cura la linea grafica di album di artisti punk indipendenti. Nel 1981 diventa art director della rivista The Face, portando la sua sensibilità punk-ribelle e le sue innovazioni grafiche ad una rivista orientata al consumatore, modificando l'orientamento artistico, l'immagine e i fonts utilizzati. The Face sarà nominata "La Bibbia degli anni Ottanta", un manuale di stile da cui trarre esempio ed ispirazione. L'estremo talento di Neville Brody gli permette, in seguito, di lavorare come grafico e art director per altre riviste come New Socialist, City Limits, Lei, Per Lui, Actuel, Arena e cura il rinnovamento della grafica dei giornali inglesi The Guardian e The Observer.

Nel 1988 la casa editrice Thames&Hudson pubblica la prima delle due monografie di Neville Brody, The Graphic Language of Neville Brody che diventa il libro best selling di grafica in tutto il mondo. Insieme alla pubblicazione della monografia, viene allestita uno mostra itinerante dei suoi lavori al Victoria and Albert Museum, attirando più di 40 000 visitatori prima di fare il tour in Europa e Giappone.

Nel 1989 co-fonda con il designer tedesco Erick Spiekermann la "fonderia" digitale FontShop e nel 1990 crea il progetto Fuse con lo scopo di valorizzare il mondo della grafica come valido mezzo di comunicazione, attraverso la creazione di nuovi stili e nuovi fonts, sfruttando le nuove tecnologie digitali.

Nel 1994 fonda il Research Studio che in breve tempo acquisisce grande rilevanza in campo grafico, diventando punto di riferimento e fonte per chiunque lavori nel graphic design. Attrae clienti importanti come la Paramount Pictures, Kenzo, Don Perignon, Nike, Adidas, Macromedia, Disney, Sony. Sempre nel 1994 esce la sua seconda monografia The Graphic Language of Neville Brody 2 che raccoglie tutti i lavori dopo il 1988. Nel 2006 rinnova la linea grafica del quotidiano The Times ideando per l'occasione un nuovo font, il Times Modern che sostituisce l'originario Times New Roman, utilizzato dal 1932. Attualmente Reseach Studios si occupa di diversi settori media, dal web alla stampa, al design degli ambienti e dei punti vendita fino a locandine di film.

Questo sito non rappresenta il sito ufficiale di Neville Brody ma è solo frutto di una ricerca. Per maggiori info contattare nevillebrody@altervista.org